Fondazione Montanelli Bassi
 
20 febbraio

Scrittura e computer: pensare prima di scrivere



Così Montanelli rispondeva, nel 2001, a un giovane che paragonava la facilità con la quale scriveva con il computer con la fatica di battere sui tasti della vecchia macchina per scrivere ereditata dal nonno.

[…] il computer permette di cancellare, di spostare, addirittura di copiare e incollare (così mi assicurano, anche se non ho ben chiaro cosa voglia dire). E con il computer non c’è bisogno di ribattere articoli. Ma io non ribatto, se non in casi eccezionali. Penso prima di scrivere, tuttavia. E questo fa sì che i miei dattiloscritti siano abbastanza puliti. Qualche correzione a mano, e il gioco è fatto. C’è un altro vantaggio. La macchina per scrivere non «dà di matto» come il computer. Se il nastro si esaurisce, lo sostituisco. E un articolo non scompare nel nulla, come ho sentito dire accade coi vostri strumenti elettronici. Al massimo sparisce per mezz’ora. Ma dopo qualche ricerca lo ritrovo, sotto un libro o sul pavimento. […]

Anch’io penso che dovrei faticare di meno. Ma non ce la faccio: questo è il mio lavoro, è la mia vita. E a una certa età, vedrai, si diventa abitudinari; la fatica quotidiana tiene vivi. Niente computer, quindi […]

La Stanza di Montanelli, Corriere della Sera di lunedì 15 gennaio 2001

Copyright Eredi Montanelli. Tutte le opere di Indro Montanelli sono pubblicate da Rizzoli Editore




La scrivania di Indro Montanelli nella sede della Fondazione Montanelli Bassi (Foto Fabrizio Ferrettini)







     

 
© 2009-2021 - Montanelli Montanelli Bassi - Codice fiscale 91003700480